Home Page | Mappa del sitoInformazioni |  Avvertenze

 
  Sei su Campane di Troia
 

Le campane della chiesa di S. Anna

 

Riproduzione di una cartolina dei primi del 1900 raffigurante l’antico convento dei cappuccini. Da notare il piccolo campanile "a vela".

 

La vecchia campana

La chiesa di S. Anna era un tempo annessa al seicentesco convento dei frati Cappuccini (poi abbattuto nel 1964 per la costruzione della Scuola Media) ed aveva un esterno semplicissimo con campanile a vela che sorreggeva una campanella di seguito descritta:

Suono: dolce

Nome: S. Anna

Diametro: 0.45 m

Altezza: 0.47 m

Peso: 50 Kg ca.

L’attuale concerto

1959 – L’apparato allestito nella chiesa per la benedizione della nuova campana.

Nel 1958, in occasione dell’anno mariano, l’antica chiesa fu restaurata, la facciata ricoperta di mattoni rossi, e venne innalzato un campanile su cui fu sistemato un orologio (che è l’unico di Troia a battere le ore), con il quadrante della settecentesca torre civica di Piazza Giovanni XXIII (abbattuta il 1 giugno 1957 dall’ Amministrazione comunale perché ritenuta per stile architettonico in contrasto con la Cattedrale romanica) e nei suoi fornici furono issate le due antiche campane della stessa torre civica, delle quali la grande scandiva le ore e la piccola i quarti. I due bronzi sono di seguito descritti, e tra parentesi è indicata la loro posizione sul campanile della chiesa.

CAMPANA TERZA (verso settentrione)

Diametro: 0.53 m

Altezza (escluso il ceppo): 0.47 m

Peso: 100 Kg ca

Iscrizione : 1710

Immagini e fregi: rigatura semplice, (sopra la data di fusione) lo Stemma della Città di Troia (il vaso con serpenti).

Questa campana batte con un rintocco le mezz’ore.

S. Anna - La campana terza del 1710, proveniente dalla Torre Civica, e suo particolare con lo stemma di Troia e la data di fusione

CAMPANA SECONDA (verso sera)

Diametro: 0.65 m

Altezza (escluso il ceppo): 0.55 m

Peso: 160 Kg ca

Iscrizioni : (prima riga superiore) AD HONOREM USUM CONSTRUENDAM ME TROIA CIVITAS ¨ (seconda riga sup.) AN. ¨ DOM. ¨ MDLII CURAVIT ¨ ¨ ; (più in basso) IHS (Trad. (prima riga sup.) In suo onore e a suo servizio la Città di Troia (seconda riga sup.) si curò di farmi fondere nell’Anno del Signore 1552; (più in basso) Gesù Salvatore degli Uomini).

Immagini: rigatura semplice, Cristo Crocifisso, Stemma di Troia (il vaso con serpenti) affiancato a sinistra dalla lettera C (per Civitas) e a destra dalla lettera T (per Troiana).

Questa campana, la più antica di Troia, batte le ore e svolge questo suo grande servizio alla collettività ininterrottamente dal 1552.

S. Anna – L’antica campana del 1552, e suoi particolari con la scritta IHS e il Cristo Crocifisso.

S. Anna - La nuova campana, fusa a Trani dal fonditore Nicola Giustozzi.

Esattamente un anno dopo la benedizione della nuova facciata, sul campanile, nel fornice volto verso mattina, fu installato un altro bronzo (1) del valore di £. 300.000 (2), donato dai coniugi Anzia De Stefano e Ponziano Maitilasso. La benedizione della campana, officiata dal Sacerdote Don Gennaro Spina, allora parroco di S. Anna, e da Don Mario Manna, si tenne nella stessa chiesa il 31 maggio 1959. Per l’occasione davanti all’altare fu innalzata un’impalcatura di metallo, riccamente decorata con festoni di foglie d’edera, a cui, per mezzo di una carrucola, fu appesa la campana. Nel momento più solenne e atteso della funzione, la madrina Anzia ebbe l’onore di tirare il nastro legato al battaglio della campana così da farle emettere i suoi primi rintocchi, tra la gioia e l’emozione della folta assemblea. Il bronzo, che nel concerto occupa il primo posto, ha le seguenti caratteristiche:

Diametro: 0.71 m

Altezza (escluso il ceppo): 0.65 m

Peso: 258 Kg ca

Iscrizioni : (in alto) FULGURA FRANGO + MORTUOS PLANGO + VIVOS VOCO + MCMLVII (Trad. Spezzo i fulmini + Piango i morti + Chiamo i vivi + 1957); (in basso, appena sopra la decorazione del festone): I coniugi Anzia e Ponziano Maitilasso + 31-5-1959 + Artifex + Nicolaus Giustozzi + Tranium (Trad. fonditore Nicola Giustozzi di Trani)

Immagini e fregi : decorazione con festoni, greca alla bocca, S. G. Battista, Cristo Crocifisso, Madonna Immacolata, Santo Vescovo, S. Anna

Data di fusione : La campana venne fusa presso la Fonderia Giustozzi Nicola e figlio di Trani nel 1957. Questa campana presenta una peculiarità interessante: le lettere che formano l’epigrafe in basso, con i nomi dei padrini e la data 31-5-1959, non sono in rilievo, come invece la scritta in alto ed il nome del fonditore, ma figurano incise sul suo manto. Ciò si spiega con il fatto che tra la fusione del bronzo ed il suo "battesimo"passarono due anni, e quando i Signori Anzia de Stefano e Ponziano Maitilasso si offrirono per finanziare la realizzazione della campana (che probabilmente era stata anticipata dalla parrocchia di S. Anna, anche se dal "Consuntivo delle entrate e uscite della Parrocchia di S.Andrea in S.Anna" del 1957 non risulta spesa alcuna per la campana) e quindi fungere da suoi padrini, i loro nomi vi vennero incisi e con essi la data della benedizione.

Fonditore : Giustozzi Nicola e figlio di Trani

La madrina Anzia De Stefano tira il battaglio e il bronzo appena benedetto emette i suoi primi rintocchi.

S. Anna - Particolare della campana prima con l’effigie di Vescovo con Pastorale e mitria.

Riproduzioni di cartoline di inizio 1900 e anni 1950 con evidente la torre civica da cui provengono le campane seconda e terza della chiesa di S. Anna.

Panorama che si gode dalla torre campanaria di S.Anna.

 

 

 NOTE:

  1. E’ improbabile si tratti della rifusione dell’antica campanella del convento dei Cappuccini, di cui si sono perse le tracce: secondo la testimonianza di Mons. Mario Maitilasso, questa sarebbe la rifusione della campana prima dell’ex chiesa della Buona Morte, anche se non si dispone di alcuna documentazione a conferma di ciò; ma tale circostanza spiegherebbe anche il fatto che Don Domenico Adamo, il quale aveva fatto rinnovare la campana grande della chiesa della Buona Morte nel 1930 in memoria dei Genitori Cosimo e Carolina Caione (cfr. p. 131 ), quando, sconsacrata detta chiesa, essa fu portata a S. Anna e rifusa l’anno successivo 1957, si curò di far colare la campana maggiore di S. Giovanni al Mercato, affinchè non si perdesse il loro ricordo.

  2. Il valore ed il peso della campana prima sono stati ricavati dall' "Inventario della Chiesa Parrocchiale di S.Andrea Apostolo in S. Anna", stilato nel 1959 dall' allora Parroco Sac. Gennaro Spina e conservato in Archivio Vescovile.

Home Page  |  Informazioni | Introduzione | Scheda Campane | Mappa |   Avvertenze  

Copyright © Campane di Troia 2005.Tutti i diritti sono riservati

Elenco Principale dei Collegamenti

Autore

Presentazione

Presentazione dell'autore

Sulla storia delle campane

Fonditori di Campane per Troia

Introduzione

Itinerario

Sant'Anna

San Francesco

San Basilio Magno

San Giovanni al mercato

Cattedrale

Addolorata

San Giovanni di Dio

Annunziata

Buona Morte

San Vincenzo Martire

Mediatrice

San Domenico

Santa Croce

San Bernardino

San Secondino

S. Maria del Carmine in Giardinetto

Museo Civico

Novità

Scheda

Glossario

Fonti

Indice Generale o Mappa

Bibliografia

 

Indice di capitolo

Torna alla Home Page

Torna all' introduzione

Torna a Indice Generale o mappa

Torna  a scheda Campane