Home Page | Mappa del sitoInformazioni | Avvertenze

 
  Sei su Campane di Troia
 

Il campanile di San Bernardino

Riproduzione di una cartolina del 1903 con la chiesa di San Bernardino e l’annesso convento dei Riformati.

La ex chiesa di S. Bernardino, sita in prossimitą del cimitero comunale, venne eretta nel XV sec., assieme all’adiacente Monastero dei Frati detti "Zoccolanti"(Minori Osservanti di S. Francesco di Assisi). Il complesso fu ricostruito nel XVII sec, in seguito ad un incendio che lo aveva devastato. Nel 1811 l’Ordine degli Osservanti fu soppresso dalle leggi Napoleoniche, ma la chiesa rimase aperta al culto fino alla fine del secolo, in mano agli eredi della famiglia D’Avalos. Nel 1934 il tempio era adibito a deposito di paglia, di carretti, di avanzo di olive ed altri usi profani, come si rileva dalla bozza presentata da Don Raffaele Petrilli alla Madre Superiora Generale delle Suore Religiose del Sacro Cuore di Genova (cui apparteneva la rev.da Suor Anna D’Avalos), in cui si domanda che "la chiesa anzidetta e le sue adiacenze ritornino all’Autoritą Ecclesiastica" (Arch. Vescovile Cart. Oratori Privati e Cappelle Cimitero). Dopo alterne vicende la chiesa fu ceduta ai Vescovi della Diocesi ed infine al Comune. Non disponiamo di documenti storici che attestino quante campane fossero appese nella cella campanaria della robusta torre di S. Bernardino, ma i fori presenti su entrambi i lati di ciascuno dei quattro fornici lasciano ipotizzare in passato l’esistenza di quattro supporti con rispettive (e quindi altrettante) campane. E’ quasi certo che tali bronzi, nel corso dei sec. XIX e XX, siano stati trasferiti su altri campanili di Troia (1), ma non se ne conserva la memoria. Attualmente la chiesa č senza soffitto e pericolante, il campanile pure č fatiscente e pericolante e il resto dei locali dei frati č un cumulo di macerie.

S. Bernardino - L’interno del tempio come č oggi, senza soffitto e pericolante, fotografato dal Camposanto.

S. Bernardino - Il campanile, anch’esso in condizioni di precaria stabilitą, fotografato dal Camposanto.

 

 

NOTE:

  1. Nell’Archivio Vescovile di Troia, tra le Visite Pastorali, nella scatola dei documenti senza data, si trova la "Supplica" (forse risalente al 1819) inviata dal Custode di S. Bernardino al Vescovo o al Vicario, in cui si implora dalle diverse chiese di Troia la restituzione delle "robbe, statue ed arredi appartenenti alla detta chiesa" per facilitarne i restauri. E’ molto probabile che tra questi arredi ci fossero anche le campane di S. Bernardino.

Home Page | Mappa del sitoInformazioni | Avvertenze  
 

Copyright © Campane di Troia 2005.Tutti i diritti sono riservati

Elenco Principale dei Collegamenti

Autore

Presentazione

Presentazione dell'autore

Sulla storia delle campane

Fonditori di Campane per Troia

Introduzione

Itinerario

Sant'Anna

San Francesco

San Basilio Magno

San Giovanni al mercato

Cattedrale

Addolorata

San Giovanni di Dio

Annunziata

Buona Morte

San Vincenzo Martire

Mediatrice

San Domenico

Santa Croce

San Bernardino

San Secondino

S.Maria del Carmine in Giardinetto

Museo Civico

Novitą

Scheda

Glossario

Fonti

Indice Generale o Mappa

Bibliografia

 

Indice di capitolo

Torna alla Home Page

Torna a Indice Generale o Mappa