Home Page | Mappa del sitoInformazioni |  Avvertenze

 
  Sei su Campane di Troia
 
Presentazione

 

Ecco un esempio di come un giovane studente liceale possa trascorrere le sue vacanze nel paese di origine dei suoi genitori, unendo l' utile al dilettevole.

Enzo Pio, l'autore di questa ricerca, ogni anno, insieme alla sua famiglia, si trasferisce a Troia - la storica cittadina del foggiano, ricca d'arte e celebre per la sua Cattedrale - per sfuggire alla calura estiva e ai rumori della città. In questo ambiente, saturo di ossigeno e di pura aria collinare, è possibile concentrare la mente senza sforzi, col favore del silenzio e della quiete connaturale ai piccoli borghi medioevali.

Da alcune stagioni, Enzo Pio sognava di concretizzare un suo piccolo progetto di ricerca sulle campane delle numerose Chiese di Troia, e, a questo scopo, cominciò a raccogliere notizie, consultando l' Archivio della Curia Vescovile, i Registri Parrocchiali, i vari articoli e le pubblicazioni specifiche e finanche scavando nella memoria storica delle persone anziane del paese.

Non gli pareva vero che intorno ad un argomento, per così dire, quasi …… banale, potessero venir fuori delle notizie così sorprendenti da spaziare sulla vita civica di questa città, sulle sue tradizioni, sul suo folklore, sulle sue calamità, sulle sue feste ………

Il tema delle campane ha contagiato la stessa famiglia di Enzo Pio, fino al punto da essere coinvolta nella collaborazione tecnica di misurazione del peso, della forma, della tonalità musicale, incluso un viaggio conoscitivo ad Agnone (Isernia), dove ancora al presente fiorisce la celebre Fonderia Marinelli.

La lettura delle frasi latine e delle icone non è stata sempre facile; anzi, in qualche caso ha comportato dei rischi, perché, in seguito alla digitalizzazione generale del suono delle campane, tutti i campanili sono diventati di difficile accesso, pressocchè senza scale, e dove c'è qualche traccia di queste, occorre fare appello alle proprie abilità di equilibrista per superare cumuli di guano e lenzuoli di ragnatele! Ma la fantasia e l' entusiasmo hanno fatto superare tutte le difficoltà. A titolo di esempio, mi è stato riferito che, per leggere e fotografare le scritte rivolte all' esterno delle campane, non rare volte, si è dovuto ricorrere a degli specchi orientati nella posizione più appropriata.

Sarà il lettore a giudicare la bontà della fatica di Enzo Pio. A me sembra che possa essere giudicata come una specie di carrellata sintetica di storia religiosa e civica tra passato e presente.

Non c'è, allora, che da esprimere un vivo plauso al giovane Enzo Pio, con l' augurio che questa sua ricerca sia appena una primizia di futuri studi più impegnativi.

Se l' aurora è così tersa e luminosa, il meriggio si prevede sarà di …. Fuoco.

"Quod est in votis"!

Don Rolando Mastrulli


Home Page | Mappa del sito Torna all' indice generale | Avvertenze  
 

Copyright © Campane di Troia 2005.Tutti i diritti sono riservati

Elenco Principale dei Collegamenti

Autore

Presentazione

Presentazione dell'autore

Sulla storia delle campane

Fonditori di Campane per Troia

Introduzione

Itinerario

Sant'Anna

San Francesco

San Basilio Magno

San Giovanni al mercato

Cattedrale

Addolorata

San Giovanni di Dio

Annunziata

Buona Morte

San Vincenzo Martire

Mediatrice

San Domenico

Santa Croce

San Bernardino

San Secondino

S.Maria del Carmine in Giardinetto

Museo Civico

Novità

Scheda

Glossario

Fonti

Indice Generale o Mappa

Bibliografia

 

Indice di capitolo

Torna alla Home Page

Torna a Indice Generale o Mappa